AVVISO: Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Confermando questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante, acconsenti all'uso dei cookie, altrimenti visualizza l'informativa estesa privacy-policy.aspx

Ma l'antipolitica non può salvarci dalla palude [ di Antonio Gibelli ]

Vent'anni fa l'Italia uscì in modo traumatico dall'età della Guerra fredda, con l'implosione del sistema politico che su di essa si era modellato.
Tangentopoli fu la miccia che diede fuoco al sistema portando a compimento la disintegrazione dei partiti che ne erano stati protagonisti, ma che già avevano perso in gran parte la loro legittimazione e la loro ragion d'essere: il PCI, perchè il crollo del comunismo aveva offuscato in maniere irreversibile l'utopia della giustizia sociale che ne aveva sempre illuminato l'orizzonte, mostrandone il fallimento; la DC perchè venne meno la necessità di uno scudo dell'Occidente, all'ombra del quale ogni compromesso e persino ogni misfatto era parso giustificato.
Dal tracollo uscirono nuovi protagonisti, nessuno dei quali è stato capace di indicare una strada autentica di rinnovamento.


Articolo apparso sul quotidiano di Genova "Il Secolo XIX", del 21 marzo 2012.
  • [ documento .pdf ] - 21/03/2012
  • TAG: antonio gibelli, antipolitica, il dopo tangentopoli

Note legali: il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
La responsabilità di quanto pubblicato è esclusivamente dei singoli Autori.

Sito curato e gestito da Paolo Gerolla
Progettazione e sviluppo: Andrea Gerolla

www.tuttostoria.net ( 2005 - 2016 )
privacy-policy