AVVISO: Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Confermando questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante, acconsenti all'uso dei cookie, altrimenti visualizza l'informativa estesa privacy-policy.aspx
>> Storia - Musei storici >

Il Museo 'Pejo 1914-1918. La guerra sulla porta di casa' [ di ]

Il museo conserva oggetti, documenti e fotografie relativi alla "guerra bianca" combattuta sulle montagne della val di Sole e della val di Pejo. I materiali provengono dai monti e dai ghiacciai dell'Ortles-Cevedale e sono stati raccolti dal museo o donati da privati.
L'esposizione comprende armi, uniformi, mezzi di trasporto e strumenti di uso quotidiano, oggetti personali e della devozione religiosa. I reperti conservano la memoria di quei drammatici eventi e permettono di conoscere l'esperienza dei soldati al fronte e la storia della comunità di Pejo.

A pochi minuti dal museo si trova il cimitero di San Rocco. Durante la guerra era un cimitero militare; oggi accoglie le salme di alcuni soldati austro-ungarici ritrovati recentemente nei ghiacciai del Piz Giumela e del Presena. Ogni anno, all'inizio di settembre, vi si tiene una commemorazione a ricordo di tutti i caduti.
Un semplice itinerario porta al Pian della Vegaia, dove si osservano resti di trincee, postazioni di artiglieria e gallerie, e forte Barbadifior, caserma difensiva costruita dall'esercito austro-ungarico tra il 1906 e il 1908.
Vicino al Rifugio Vioz, su Punta Linke (3643 metri) è visitabile una stazione di teleferica, tra le postazioni austro-ungariche più alte dell'intero fronte, recuperata grazie alla collaborazione fra il Museo di Pejo e la Provincia autonoma di Trento.

Per maggiori informazioni sugli orari di visita al museo, cliccate sul link a fondo pagina.

Documento inserito il: 17/12/2016

Note legali: il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
La responsabilità di quanto pubblicato è esclusivamente dei singoli Autori.

Sito curato e gestito da Paolo Gerolla
Progettazione e sviluppo: Andrea Gerolla

www.tuttostoria.net ( 2005 - 2016 )
privacy-policy