AVVISO: Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Confermando questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante, acconsenti all'uso dei cookie, altrimenti visualizza l'informativa estesa privacy-policy.aspx
>> Storia - Musei storici >

Il Museo della Grande Guerra di Vermiglio (TN) [ di ]

L'iniziativa culturale del Comune di Vermiglio, oltre a garantire, nella memoria dei concittadini, il mantenimento del ricordo dei tragici fatti accaduti nel periodo bellico 1915-18, si pone l'obbiettivo di fornire l'immagine più ampia ed accessibile, del quadro di riferimento storico che ha caratterizzato gli anni del primo conflitto mondiale e di quelli immediatamente precedenti, agevolando nel visitatore, attraverso una efficace sequenza espositiva di documenti, foto, reperti e oggetti d'epoca, la formazione di una veritiera immagine dei destini dei combattenti e della popolazione civile coinvolta.
Il 23 dicembre 2006, alla presenza delle Autorità della Provincia di Trento, il Comune di Vermiglio ha inaugurato il proprio Museo della Guerra dando continuità all'attività di esposizione, intrapresa negli anni sessanta dal Cav. Emilio Serra, dei numerosi reperti bellici residui da lui recuperati lungo il fronte sud-occidentale italo-austriaco in corrispondenza del gruppo montuoso Adamello-Presanella.
Le armi, i bossoli, le attrezzature militari e le varie documentazioni sono state depositate nel piccolo museo privato che Emilio Serra ha alimentato con costanza e passione per circa quarant'anni fino agli ultimi anni della sua vita.
Grazie alla sensibilità della famiglia Achille Serra che ha reso disponibile la cospicua documentazione ed i numerosi reperti bellici presenti nel museo di Emilio Serra e della moglie Pina, è stato possibile, per l'Amministrazione Comunale, dare vita a questo importante presidio culturale che caratterizza un periodo tragico come quello che ha dato sfondo al primo conflitto mondiale, nel corso del quale, sulla inerme popolazione di Vermiglio, si riversarono indicibili sofferenze, fisiche e morali, tali da giustificare, per Vermiglio, l'appellativo di paese martire della grande guerra.
Fra i reperti più interessanti figurano: una mitragliatrice Schwarzelose, numerosi proiettili di artiglieria pesante e leggera italo-austriaci, attrezzature varie, documentazione in originale e decorazioni militari, lettere e cartoline d'epoca.
Nel museo è esposta anche una cartina geografica in grande scala dell'Impero Austro-Ungarico redatta, per uso scolastico, dal Ministero dell'Istruzione.
Per informazione sugli orari di apertura del museo della Guerra di Vermiglio, cliccate sui link a fondo pagina.

Documento inserito il: 17/12/2016

Note legali: il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
La responsabilità di quanto pubblicato è esclusivamente dei singoli Autori.

Sito curato e gestito da Paolo Gerolla
Progettazione e sviluppo: Andrea Gerolla

www.tuttostoria.net ( 2005 - 2016 )
privacy-policy