AVVISO: Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Confermando questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante, acconsenti all'uso dei cookie, altrimenti visualizza l'informativa estesa privacy-policy.aspx
>> Storia Contemporanea > Il ventennio fascista

Il Fascismo, il Neofascismo, il Radicalismo di Destra e la pelle dei coglioni [ di Ereticamente.net ]

Ludovico Incisa Di Camerana: “D’altronde cosa fosse il fascismo non lo sapevano nemmeno i fascisti” in “Fascismo Populismo, Modernizzazione” (A. Pellicani ed., Roma, 1999, pag. 311). “Il fascismo è come la pelle dei coglioni. E’ tutta pieghettata e ognuno la tira come meglio crede e come più gli fa piacere” Anonimo cit. da Daniele Lembo in “Fascisti dopo la liberazione” Maro, Copiano, 2007, pag.135. Benito Mussolini in “Il Popolo d’Italia” del 13-X-1919 “Quel rifugio di tutti gli eretici, quella chiesa di tutte le eresie che è il Fascismo.”
“Io sono uno scrittore fascista” iniziava il “Che cosa è il Fascismo” di Maurice Bardeche che poche pagine dopo (pag.66) scriveva “Si cerca invano il libro del fascismo: questa Bibbia non esiste. La parola stessa di fascismo non significa altro di ciò che fu in realtà, una riunione di forze. I dittatori fascisti sono stati degli empirici ed hanno agito nei loro paesi rispettivi seguendo una certa inclinazione comune, ma con uno spirito differente. Le forze che riunivano erano unite sotto la loro guida, la loro coesione era una conseguenza della vittoria. Dopo la disfatta, le verghe del littore si sono sparpagliate. Del fascismo rimane questo cesto disfatto e calpestato e, in più, una certa idea -e questa è la cosa più preziosa- di ciò che avrebbe dovuto essere”.

Per leggere integralmente l'articolo cliccate sul link a fondo scheda.
Documento inserito il: 31/12/2014

Note legali: il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
La responsabilità di quanto pubblicato è esclusivamente dei singoli Autori.

Sito curato e gestito da Paolo Gerolla
Progettazione e sviluppo: Andrea Gerolla

www.tuttostoria.net ( 2005 - 2016 )
privacy-policy