AVVISO: Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Confermando questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante, acconsenti all'uso dei cookie, altrimenti visualizza l'informativa estesa privacy-policy.aspx
>> Medio Evo > Il Medio evo italiano

I rapporti tra i Comuni e l'Impero

All’inizio del XII secolo, l’Italia era il paese europeo dove il processo di affrancamento delle città dal dominio feudale e imperiale si era sviluppato maggiormente. Oltre alle quattro Repubbliche Marinare, Venezia, Genova, Pisa e Amalfi, che da tempo si erano rese indipendenti, numerosissime altre città dell’Italia ccentrale e settentrionale erano riuscite ad ottenere diritti comunali più o meno ampi. Per raggiungere il loro scopo, tutte queste città avevano approfittato della lotta che il Papato aveva iniziato contro i vescovi simoniaci e contro l’Impero che li appoggiava, per tentare di abbattere o almeno limitare il potere esercitato dai vescovi e dai feudatari più potenti, grandi sostenitori del potere imperiale. Le città approfittarono anche della debolezza nella quale si trovavano gli imperatori, che pur di riuscire ad assicurarsi il loro favore, al fine di contrastare il sempre più crescente potere dei feudatari maggiori, fecero alle città larghe concessioni come l’esenzione dai tributi, anche se in realtà i Comuni godevano già di una notevole autonomia. Contro questa autonomia si battè Federico I Barbarossa, la cui politica in Italia era tutta tesa a ristabilire l’autorità imperiale sui Comuni e il predominio dell’imperatore sul papa.


Nell'immagine, l'imperatore tedesco Federico I Barbarossa.

Documento inserito il: 22/12/2014
  • TAG: comuni, impero, italia XII secolo, federico barbarossa

Articoli correlati a Il Medio evo italiano


Note legali: il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
La responsabilità di quanto pubblicato è esclusivamente dei singoli Autori.

Sito curato e gestito da Paolo Gerolla
Progettazione e sviluppo: Andrea Gerolla

www.tuttostoria.net ( 2005 - 2016 )
privacy-policy