AVVISO: Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Confermando questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante, acconsenti all'uso dei cookie, altrimenti visualizza l'informativa estesa privacy-policy.aspx
>> Medio Evo > Il Medio evo italiano

La Repubblica marinara di Amalfi

Amalfi, con ogni probabilità la più antica tra le quattro Repubbliche marinare, sviluppò intensi scambi commerciali con l’Impero Bizantino e l’Egitto. I mercanti amalfitani riuscirono a togliere il monopolio dei commerci nel Mediterraneo agli Arabi, fondando nel X secolo delle basi mercantili nell’Italia meridionale e in Medio Oriente. Tra le maggiori testimonianze della sua grandezza, vi furono le Tavole Amalfitane, un codice che raccoglieva norme di diritto marittimo che restò attuale per tutta la durata del Medioevo. Amalfi, che era stata la massima potenza marinara, venne saccheggiata dai pisani nel 1137 durante un periodo di grande indebolimento dovuto a disastrose inondazioni e dalla recente annessione al Regno normanno, a seguito della quale la città iniziò una rapida decadenza ed il suo ruolo venne progressivamente assunto da Napoli.
Documento inserito il: 22/12/2014

Articoli correlati a Il Medio evo italiano


Note legali: il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
La responsabilità di quanto pubblicato è esclusivamente dei singoli Autori.

Sito curato e gestito da Paolo Gerolla
Progettazione e sviluppo: Andrea Gerolla

www.tuttostoria.net ( 2005 - 2016 )
privacy-policy