AVVISO: Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Confermando questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante, acconsenti all'uso dei cookie, altrimenti visualizza l'informativa estesa privacy-policy.aspx
>> Medio Evo > Il Medio evo italiano

I misteriosi sotteranei di Narni (TR) [ di Isabella Dalla Vecchia ]

Nel 1979 sei ragazzi del gruppo speleologico di Narni, in Umbria, scoprirono sotto i resti di un antico convento domenicano un piccolo passaggio attraverso un muro, coperto di macerie e di rovi. Da quel giorno, aiutati da altri volontari, cominciarono un'opera di scavo e di ripulitura dei resti murari, fin quando, finalmente, nel 1994 il percorso fu aperto al pubblico con il nome di Narni Sotterranea.
Eliminate definitivamente le infiltrazioni provocate dalla pioggia, il luogo iniziò una nuova vita. Il primo ambiente risultò essere una chiesa del XII-XIII secolo, i cui affreschi erano stati velati da uno spesso strato di calcare depositato dallo stillicidio.
Grazie al contributo del Lions Club, del Comune di Narni e dei tanti visitatori, fu possibile iniziare un lento ma efficace lavoro di restauro. Emersero così dipinti di artisti umbri del pieno medioevo, che avevano raffigurato il Cristo pietoso e sanguinante, i quattro simboli degli Evangelisti, l'incoronazione di Maria e, particolarmente importanti, numerosi ritratti di S. Michele Arcangelo, al quale era dedicata la chiesa, riconsacrata nel 2000. Adiacente la chiesa si trova un ambiente scavato nella roccia, dove si apre un'antica cisterna romana e si possono ammirare numerose foto dell’acquedotto di Narni del I° secolo d.C., oltre alla fedele riproduzione di alcuni strumenti romani, che accompagnano il turista alla scoperta dell’idraulica antica.
Una piccola porta, dall'aspetto insignificante, trovata murata nel 1979 e riaperta in quell'anno dai sei giovani esploratori, conduce nel luogo più segreto di tutto il complesso monastico.

La "Stanza dei tormenti"
Un lungo corridoio si inoltra in una grande sala, occupata un tempo dalla “Stanza dei tormenti”, così chiamata nei documenti rinvenuti negli archivi vaticani.
Il Santo Uffizio qui ebbe una sua sede dopo il Concilio di Trento. Prova di ciò si ha anche da un documento del 1726, fortunosamente scampato ai saccheggi napoleonici e post unitari, nel quale si descrive la fuga rocambolesca di un certo Domenico Ciabocchi, ritenuto eretico perché bigamo, che approfittò di una fatale distrazione del vivandiere per prenderlo alle spalle con una corda e strangolarlo.
Su un lato si apre un piccola e bassa porta che permette di accedere in una cella carceraria.
Un numero inverosimile di segni graffiti sulle pareti e sulla bassa volta avvolge chiunque entri là dentro. Non avendo a disposizione carta o inchiostro, per poter raccontare la loro storia, affinché quella sofferenza non si cancellasse con il tempo, i prigionieri, al loro posto, usarono il bianco intonaco ed un coccio appuntito.
Nomi, date, simboli, sono giunti fino a noi. Soli, croci, scritte, date, simboli e una scritta a dominio su tutte “SANT’OFIZIO" che avrebbe indicato che quella era la cella dei condannati dal Sant’Uffizio dell’Inquisizione. La camera accanto alla cella conserva alcuni strumenti di tortura, essere imprigionati qui dentro mentre si sentivano le urla degli interrogati provenire dalle mura, che per quanto spesse, non riuscivano a coprirne il passaggio, dove essere inimmaginabile.

Gli enigmatici graffiti e il fantasma di Giuseppe Andrea Lombardini
Dopo secoli di forzato silenzio le voci dei graffiti hanno riacquistato sonorità, compresa quella del personaggio "chiave" che là sotto trascorse almeno 90 giorni a cavallo tra il 1759 e l'anno successivo. Si tratta di un uomo, Giuseppe Andrea Lombardini. Uno sfortunato gioco del destino ha fatto si che lui stesso, guardia dell'Inquisizione, fu arrestato per aver favorito la fuga di un suo compagno d’armi. Aveva comunque una propria grande fede, che testimoniò riproducendo più volte i monogrammi di Cristo e di sua Madre.
Con il timore di veder cancellati i suoi messaggi di pace, libertà e soprattutto giustizia, li affidò ad un linguaggio simbolico, conosciuto da pochi. Sono quindi visibili segni massonici, alchemici, cabalistici, graffiti secondo un preciso disegno mentale.
Oggi, grazie alle scoperte fatte negli archivi vaticani, al Trinity College Library di Dublino ed in altre città italiane, è stato possibile ricostruire la storia dell’inquisizione di Narni e dei personaggi lì rinchiusi. Rimane la leggenda che il suo fantasma aleggerebbe ancora tra queste mura per via di diversi episodi inspiegabili.

La chiesa di Santa Maria Maggiore
La visita si conclude nella maestosa chiesa di Santa Maria Maggiore, oggi San Domenico, trasformata in sala conferenze, che fino al XIII secolo fu la cattedrale di Narni. Proprio in questo edificio è possibile ammirare le recenti scoperte archeologiche, fra le quali uno splendido mosaico bizantino del VI secolo.
Sotto Santa Maria Maggiore è stato da poco dato alla luce un pavimento in mosaico bizantino e altre stanze ad oggi prive di spiegazione relativa ad una loro funzione. Questo a testimonianza della ricchezza archeologica di questa cittadina ancora da scoprire.

Le opere ingegneristiche degli acquedotti
Acquedotto della Formina:

E’ un’opera ingegneristica strabiliante, fu voluto dall’Imperatore Tiberio, nel 27 d.C., a seguire un percorso di ben tredici chilometri sfruttando esclusivamente le pendenze del terreno, percorrendo colline e ponti. Esso portava l’acqua da Sant’Urbano a Narni. Esso in un punto preciso era dotato di un sifone che sapeva sfruttare la pressione per fare in modo che l’acqua potesse scendere da una collina per poi comodamente risalire. Purtroppo nei secoli la struttura si è deteriorata in più punti e, nonostante ci abbiano provato in molti, nessuno è riuscito a ricostruire la perfezione dell'oggetto meccanico romano. L’associazione Narni Sotterranea organizza visite guidate sia nella cappella di Sant’Angelo che nell’acquedotto della Formina.

La Galleria di Amelia:
fu scavata nel primo secolo a.C. dai romani che dovevano distribuire l’acqua alla città. Sono dieci stanze di circa diciannove metri per cinque metri destinati ad accogliere quattro milioni e mezzo di litri d’acqua proveniente dalla pioggia e convogliata in vari punti della città.
E’ ricoperta dal "coccio pesto" (terracotta e malta) che impermeabilizzava le stanze. Di questo acquedotto se ne occupa l’associazione I Poligonali che ha scoperto da poco una parte di pavimento in cotto con il sigillo dell’officina Tiberio e Caio Attilio Fortunato. Il pavimento in pendenza finiva con una galleria chiusa che veniva aperta periodicamente per svuotare e lavare l’ambiente oltre che a controllarne zone deteriorate dall’acqua.
Interessante la sotterranea di Palazzo Venturelli una domus romana con un bellissimo pavimento.


Per leggere l'articolo corredato di immagini, visitate i siti citati a fondo scheda.

Documento inserito il: 22/12/2014

Articoli correlati a Il Medio evo italiano


Note legali: il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
La responsabilità di quanto pubblicato è esclusivamente dei singoli Autori.

Sito curato e gestito da Paolo Gerolla
Progettazione e sviluppo: Andrea Gerolla

www.tuttostoria.net ( 2005 - 2016 )
privacy-policy