AVVISO: Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Confermando questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante, acconsenti all'uso dei cookie, altrimenti visualizza l'informativa estesa privacy-policy.aspx
>> Medio Evo > Il Medio evo italiano

La Battaglia di Campaldino. 11 Giugno 1289 - San Barnaba

La battaglia si svolse l’11 Giugno del 1289 nella piana alluvionale dell’alto Casentino estesa sulla riva sinistra dell’Arno poichè i Guelfi decisero di sorprendere gli avversari passando per il Passo della Consuma, tragitto montano tutt’altro che agevole nel XIII secolo, invece che scendere in Valdarno, naturale percorso da Firenze verso Arezzo. Consapevoli della loro inferiorità numerica ma anche del loro superiore addestramento gli aretini riposero la possibilità di ottenere la vittoria conducendo un deciso attacco al centro dello schieramento avversario furono gli aretini, com’era uso all’epoca, a mandare il guanto di sfida agli avversari per chiedere battaglia.
I fiorentini, accettata la sfida, schierarono le truppe in tre file compatte con le ali protette da speciali fanti dotati di grandi scudi (palvesi) mentre gli aretini si disposero secondo la consueta disposizione a tre file: la prima formata dai fenditori a cavallo; la seconda dal resto della cavalleria e la terza dai fanti. La battaglia iniziò con il subitaneo attacco della cavalleria ghibellina diretto al cento dello schieramento nemico con l’evidente scopo di spezzarne le file prima che il numero delle forze avversarie prendesse il sopravvento.
In effetti la carica dei fenditori e delle unità appiedate che seguivano al grido di San Donato Cavaliere (il patrono di Arezzo) produsse un impatto dirompente penetrando profondamente nella formazione guelfa che fu costretta ad arretrare. Ciò nonostante le file fiorentine riuscirono a ricompattarsi e quindi a prendere lentamente il sopravvento bloccando il nemico tra le ali di fanteria.
Il definitivo colpo di grazia alle truppe ghibelline fu inferto dal fiorentino Corso Donati che, in contrasto con l’ordine ricevuto di mantenere la posizione, al comando della cavalleria di riserva guelfa di Lucca e di Pistoia attaccò al fianco i nemici già in mischia.
Dal lato opposto il comandante della riserva aretina Guido Novello non fu altrettanto valoroso e vista la mala sorte, fuggì nel suo castello. La battaglia per i ghibellini era perduta, fortunatamente per loro i resti dell’esercito trovarono rifugio entro le mura di Arezzo grazie ad un forte temporale che ostacolò l’inseguimento dei vincitori.
La vittoria ottenuta a Campaldino non fu determinante per la risoluzione del conflitto tra i Fiorentini ed i Guelfi di Toscana contro i Ghibellini poichè i vincitori, invece di proseguire rapidamente verso Arezzo, indugiarono nell’assedio dei castelli del Casentino dando così tempo ai Ghibellini per riorganizzarsi.
L’evento storico di Campaldino è ricordato da una colonna eretta nel 1921 sulla strada statale (al bivio verso Pratovecchio). Un’iscrizione sul monumento (Inferno XXII, 4-5) ricorda che Dante Alighieri partecipò alla battaglia come feditore a cavallo guelfo, cioè nel ruolo di cavaliere schierato nelle prime file incaricate di iniziare lo scontro con il nemico.

Alcuni numeri:
Nella piana si affrontano l’armata Guelfa composta da Fiorentini, Pistoiesi, Lucchesi e Pratesi e comandata da Amerigo di Nerbona e l’armata Ghibellina composta da Aretini e comandata dal Vescovo Guglielmino degli Ubertini. L’armata Guelfa conta 1900 cavalieri e 10000 fanti, mentre l’armata Ghibellina conta di 800 cavalieri e 10000 fanti.
Per l’armata Guelfa è di riserva la cavalleria e fanteria di Pistoia e Lucca al comando di Corso Donati composta da 200 cavalieri ed un numero imprecisato di fanti. Per l’armata Ghibellina è di riserva la cavalleria di Guido Novello composta da 150 cavalieri. A Campaldino al centro della prima linea dei fenditori Guelfi c’era un giovane ragazzo che combatteva per i Vieri de’ Cerchi dal nome Dante Alighieri.

Bibliografia essenziale
La storia- Le grandi battaglie,volume 26. La Biblioteca di Repubblica-2005

R.G Grant-Le grandi battaglie della storia-volume 5-prima parte. Mondadori 2006

E.Rosati-A.M.Carassiti-Dizionario delle battaglie Newton-1996


Per gentile concessione della Redazione di Europa Medievale


Nell’immagine, ritratto di Dante Alighieri, che prese parte alla battaglia di campaldino nelle file dei Guelfi fiorentini

Documento inserito il: 21/12/2014
  • TAG: la battaglia di campaldino, lotta tra guelfi e ghibellini, Amerigo di nerbona, guglielmino

Articoli correlati a Il Medio evo italiano


Note legali: il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
La responsabilità di quanto pubblicato è esclusivamente dei singoli Autori.

Sito curato e gestito da Paolo Gerolla
Progettazione e sviluppo: Andrea Gerolla

www.tuttostoria.net ( 2005 - 2016 )
privacy-policy