AVVISO: Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Confermando questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante, acconsenti all'uso dei cookie, altrimenti visualizza l'informativa estesa privacy-policy.aspx
>> Medio Evo > Il Medio evo italiano

Il Santuario della Beata Vergine della Bozzola [ di Massimo Fois ]

Garlasco è una piccola cittadina di circa 10000 abitanti nella Lomellina , in provincia di Pavia.Nel suo territorio , fuori dal centro cittadino , sorge un santuario nella frazione Bozzola .
L'edificazione del santuario della Beata Vergine della Bozzola attorno al quale si sviluppò l'insediamento suburbano che è oggi frazione del comune di Garlasco, si lega ad una miracolosa apparizione della Vergine avvenuta nel 1462. La fanciulla Maria di Garlasco , sordomuta che soleva recarsi alla Bozzola (che deriva da buslon che significa biancospino) a pascolare il suo gregge ottenne l’uso della parola per intercessione della Vergine che le chiese di dire ai garlaschini di edificare in quel posto un Santuario. I garlaschesi , sentendo la ragazza parlare le credettero senza esitare e diedero inizio alla costruzione del magnifico santuario.
L'edificio fu eretto, nelle forme attuali, in quattro periodi che si svolsero attraverso i secoli. Il primo oratorio risale al ventennio compreso tra il 1462 ed il 1483 e lega la propria edificazione al prodigio sopra narrato. Nel 1600 viene effettuato un primo ampliamento;nel 1662 si costruisce la torre campanaria ; nel 1720 si inizia la cupola ottagonale e nel 1860 si prolunga la navata e si aprono il braccio destro e sinistro . Nel 1890 inizia la costruzione della facciata su disegno dell’ing. Nava di Milano.
L'affluenza numerosa dei fedeli portò quindi, nel 1600, alla necessità di un ampliamento dell'edificio per accogliere la sempre maggiore folla di pellegrini. Un ulteriore ingrandimento della chiesa si ebbe ancora nel secolo successivo.

Documento inserito il: 22/12/2014

Articoli correlati a Il Medio evo italiano


Note legali: il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
La responsabilità di quanto pubblicato è esclusivamente dei singoli Autori.

Sito curato e gestito da Paolo Gerolla
Progettazione e sviluppo: Andrea Gerolla

www.tuttostoria.net ( 2005 - 2016 )
privacy-policy