AVVISO: Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Confermando questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante, acconsenti all'uso dei cookie, altrimenti visualizza l'informativa estesa privacy-policy.aspx
>> Storia Antica > L'Italia Preromana

Gli Umbri

Gli Umbri giunsero nella penisola italica intorno al 1.000 a.C. e si stabilirono nel territorio compreso tra l’alta e la media valle del Tevere fino all’Adriatico. A partire dal 700 a.C. essi svilupparono un’economia basata principalmente sull’agricoltura e sull’allevamento. Nell’area intorno a Terni gli Umbri svilupparono un’attività di estrazione e di lavorazione dei metalli. Fino al 500 a.C., gli insediamenti abitativi si basavano su piccoli villaggi fortificati situati sulle alture e non in città come già accadeva presso i più evoluti Etruschi. I principali punti di aggregazione erano i santuari, dove si veneravano le divinità legate al mondo agricolo. In questi luoghi sacri, si raccoglievano più comunità per celebrare feste e ricorrenze, oltre che per prendere in comune decisioni politiche. Influenzati dal mondo greco ed etrusco, gli Umbri iniziarono dal 450 a.C. a costruire le loro città. Sorsero in quel periodo i primi insediamenti di una certa importanza: Amelia, Otricoli, Terni, Narni, Todi, Spoleto, Foligno, Gubbio, Bettona, Assisi. In seguito i loro domini si restrinsero progressivamente per la pressione delle popolazioni confinanti: Sabini a sud, Piceni a est, Etruschi e Galli Senoni. I primi contatti commerciali, che in seguito divennero anche politico-militari fra Umbri e Romani, si ebbero intorno al IV secolo a.C. Successivamente, approfittando della crisi dell’Etruria, Roma tenta con successo di sostituirsi agli Etruschi nel controllo della valle del Tevere per poi espandersi verso il medio e alto Adriatico. Con la sconfitta della Lega Gallo-Etrusco-Italica nella battaglia di Sentinum nel 295 a.C., gli Umbri vennero sottomessi ed il processo di romanizzazione si realizzò con la fondazione di colonie quale ad esempio l’Attuale città di Spoleto nel 241 a.C., che in epoca romana era denominata Spoletium.


Nell'immagine, le Tavole di Gubbio, il principale documento giunto fino a noi dagli antichi Umbri Documento inserito il: 19/12/2014
  • TAG: gli umbri, popoli preromani, lega gallo etrusco italica

Note legali: il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
La responsabilità di quanto pubblicato è esclusivamente dei singoli Autori.

Sito curato e gestito da Paolo Gerolla
Progettazione e sviluppo: Andrea Gerolla

www.tuttostoria.net ( 2005 - 2016 )
privacy-policy