AVVISO: Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Confermando questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante, acconsenti all'uso dei cookie, altrimenti visualizza l'informativa estesa privacy-policy.aspx
>> Storia Antica > L'Italia Preromana

Gli Ernici

Le origini degli Ernici sono pressochè sconosciute così come pure la loro lingua. I loro guerrieri erano ottimi arcieri che andavano al combattimento con il piede sinistro nudo ed il destro coperto da un calzare detto pero. Secondo alcuni storici questo popolo sarebbe giunto dall’Asia Minore, mentre altri sostengono che gli Ernici appartenevano al ceppo Osco-Sabellico come i Sabini i Marsi ed altri popoli italici. Le pochissime notizie giunte fino a noi testimoniano che presso questa popolazione l’anno aveva inizio nel mese di ottobre, come già accadeva presso i Fenici e gli Spartani. Il loro centro di maggiore importanza era Anagni, il cui nome deriva dal greco Anan´s, Re. Nell’età del Ferro, circa nel VII secolo, sui Monti Lepini si andava ultimando lo stanziamento delle popolazioni provenienti dal nord, gente forte e bellicosa che prese il nome di Ernici, che in linguaggio sabino veniva tradotto in roccia, rupe. Verso la fine del VI secolo a.C. Alatri costituì insieme alle altre città di Veroli, Ferentino e Anagni la Lega Ernica, il cui ruolo principale consisteva nel contrastare la pressione esercitata da Volsci e Sanniti verso nord. Constatata la pericolosità dei comuni avversari, nel 485 a.C. gli Ernici stipularono un patto di alleanza con Roma che, tra tradimenti e riappacificazioni durò circa un secolo. Aprofittando di una momentanea situazione di debolezza dei romani impegnati in una guerra contro gli Etruschi, nel 386 a.C. Ernici, Latini e Volsci volsero i propri eserciti contro Roma. L’impresa si rivelò un grave insuccesso. Battuti sul campo essi si ritirarono sui loro monti in modo pacifico e vi restarono fino a quando i romani decisero che era giunto il momento di sottometterli in maniera definitiva. Sconfitti nel 361 a.C. e persa la città di Ferentino, gli Ernici scesero a patti con i vincitori collaborando militarmente con loro contro i Latini e controllando i movimenti dei Sanniti. Ma nel 306 a. C. per timore di perdere la propria indipendenza, le città Erniche mossero nuovamente guerra a Roma. Questa volta la risposta al nuovo tradimento fu terribile: Anagni venne conquistata e, considerata la vera responsabile della ribellione, costretta a subire senza possibilità di replica la cittadinanza romana. Alatri dovette invece accettare un compromesso che le garantiva in fase successiva la libera cittadinanza.


Nell'immagine, resti dell'antica Alatrium (attuale Alatri)
Documento inserito il: 19/12/2014
  • TAG: gli ernici, popoli preromani, lega ernica

Note legali: il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
La responsabilità di quanto pubblicato è esclusivamente dei singoli Autori.

Sito curato e gestito da Paolo Gerolla
Progettazione e sviluppo: Andrea Gerolla

www.tuttostoria.net ( 2005 - 2016 )
privacy-policy