AVVISO: Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Confermando questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante, acconsenti all'uso dei cookie, altrimenti visualizza l'informativa estesa privacy-policy.aspx
>> Storia Antica > L'Italia Preromana

I Capenati

I Capenati erano uno dei popoli italici prosperanti nel Lazio prima dell’avvento di Roma. Ebbero una cultura propria completata da influenze esterne e la loro lingua era affine all’etrusco, molto simile al latino e con influenze sabine. Il loro territorio era situato lungo la riva destra del Tevere e confinava a Nord con i Falisci, a Est con il Tevere e i Sabini, a Sud e a Ovest con gli Etruschi di Veio. L’area occupata dai Capenati comprendeva gli attuali comuni di Capena, Fiano Romano, Morlupo, Civitella, Nazzano, Ponzano, Filacciano, Torrita, Rignano, Sant’Oreste, Castelnuovo e Riano. Determinante per lo sviluppo di questo popolo fu la vicinanza al Tevere, che attraverso il Piceno e la Sabina raggiungeva il Mar Tirreno e permetteva di effettuare scambi commerciali e culturali già dall’età del Bronzo. I principali centri capenati erano: Capena, che sorgeva sul colle della Civitucola, il Lucus Feroniae, importante centro commerciale e religioso; Saperna, della quale non si conosce ancora l’esatta ubicazione. In base ad alcune fonti antiche risulterebbe anche un altro centro religioso importante situato sul monte Soratte dedicato al culto di Apollo Sorano. Tra la fine del VII e l’inizio del VI secolo a.C. si assiste ad una crescita dell’influenza culturale etrusca su quella capenate che porterà all’ammissione dei Capenati nella Confederazione dei popoli etruschi. Nel IV secolo a.C. scoppiò una guerra per il controllo di quella zona del Tevere che si protrasse per circa un decennio. Gli opposti schieramenti che si affrontarono videro da una parte l’alleanza tra Etruschi di Veio, Falisci e Capenati e dall’altra i Romani. Questo scontro ebbe termine nel 395 a.C con la caduta di Veio, conquistata da Furio Camillo. A seguito di questa sconfitta tutto il territorio in precedenza appartenuto ai Capenati, venne ascritto alla Tribù Stellatina con la creazione, nel 387 a.C. di un Municipio Federato.


Nell'immagine, il luogo nel quale sorgeva l'antica città di Capena, uno dei principali centri dei Capenati.
Documento inserito il: 19/12/2014
  • TAG: i capenati, popoli italici, confederazione popoli etruschi

Note legali: il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
La responsabilità di quanto pubblicato è esclusivamente dei singoli Autori.

Sito curato e gestito da Paolo Gerolla
Progettazione e sviluppo: Andrea Gerolla

www.tuttostoria.net ( 2005 - 2016 )
privacy-policy