AVVISO: Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Confermando questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante, acconsenti all'uso dei cookie, altrimenti visualizza l'informativa estesa privacy-policy.aspx
>> Storia Antica > L'Italia Preromana

Gli Enotri

L’Enotria occupava nell’antichità un vasto territorio compreso tra le colonie greche di Poseidonia e Metaponto e la maggior parte della Calabria settentrionale. I centri in territorio lucano erano in realtà dei cantoni corrispondenti ai diversi bacini fluviali. In questo territorio prevalentemente montuoso e boschivo, le valli fluviali erano le principali vie di comunicazione tra lo Ionio e il Tirreno. Nel IX secolo a.C. i centri abitati degli Enotri erano situati in posizione dominante per poter meglio controllare il territorio e gli itinerari. Si trattava di piccoli centri costituiti da capanne, con un’organizzazione sociale di tipo tribale e basata sui rapporti di parentela. L’economia era essenzialmente agricola, anche se l’artigianato era abbastanza fiorente e basato principalmente sulla lavorazione di preziosi manufatti in bronzo.All’inizio del VII secolo a.C., in seguito alla fondazione delle colonie greche sullo Ionio e dei centri etruschi in Campania centrale, si intensificarono i rapporti commerciali e culturali tra gli Enotri e questi nuovi insediamenti, con il conseguente sviluppo socio-economico. Verso la metà del V secolo a. C. il mondo enotrio, in seguito alla caduta di Sibarys nel 510 a.C., entra in una crisi che porterà questo popolo a migrare verso la Sicilia, dove si fonderà con altre popolazioni locali.


Nell'immagine, veduta dell'area archeologica di Metaponto.
Documento inserito il: 19/12/2014
  • TAG: gli enotri, popoli preromani

Note legali: il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
La responsabilità di quanto pubblicato è esclusivamente dei singoli Autori.

Sito curato e gestito da Paolo Gerolla
Progettazione e sviluppo: Andrea Gerolla

www.tuttostoria.net ( 2005 - 2016 )
privacy-policy