AVVISO: Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Confermando questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante, acconsenti all'uso dei cookie, altrimenti visualizza l'informativa estesa privacy-policy.aspx
>> Storia Antica > L'Italia Preromana

I Morgenti

In Sicilia, a pochi chilometri dal comune di Aidone, sorgono le stupende rovine di quella che nell’antichità fu la fiorente città di Morgantina. Le testimonianze di vita più antiche fanno riferimento alla prima età del Bronzo, tra il 1800 ed il 1400 a.C., epoca alla quale si riferiscono i resti di capanne rinvenuti sul luogo e che documentano l’esistenza di un villaggio precedente. Questo villaggio era situato in prossimità di una sorgente d’acqua e occupava un vasto altopiano. Morgantina venne fondata dai Siculi nell’ XI secolo a.C. sul monte Cittadella. Raggiunse il suo massimo splendore con l’arrivo dei Greci, risaliti lungo il corso del fiume Gornalunga che in quell’epoca era navigabile, alla ricerca di nuove terre da sfruttare. La storia di Morgantina fu strettamente legata a Siracusa sotto il regno di Gerone II, dal 275 al 215 a.C. . In quegli anni la città conobbe la sua massima floridezza economica ed era organizzata in modo eficiente, con diversi importanti edifici pubblici e templi. Alla morte del sovrano si apre per Morgantina e Siracusa un periodo oscuro, nel corso del quale si scatenarono lotte interne per il potere e l’interruzione dell’alleanza precedentemente stipulata con Roma. Dopo che Siracusa cadde sotto il controllo di Roma a seguito della sconfitta militare, anche Morgantina nel 211 a.C. venne distrutta dai Romani che subito dopo cedettero ciò che restava della città ed il suo circondario in premio a mercenari di origine spagnola. Durante i successivi due secoli, alcuni degli edifici vennero riedificati e, in alcuni casi, adibiti ad altri usi. In quel periodo, anche se ridotta come dimensioni rispetto al suo periodo di massimo splendore, Morgantina ebbe una vitalità economica e commerciale documentata dai resti di diversi laboratori adibiti alla produzione di vasi ed altri oggetti in ceramica e terracotta per l’uso locale e per l’esportazione. Nel 35 a.C., coinvolta nella guerra civile scoppiata tra Sesto Pompeo e Ottaviano, Morgantina venne definitivamente distrutta e saccheggiata dalle legioni di quest’ultimo.


Nell'immagine, gli scavi archeologici di Morgantina. Documento inserito il: 19/12/2014
  • TAG: popoli italici, popoli preromani, i morgenti,

Note legali: il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
La responsabilità di quanto pubblicato è esclusivamente dei singoli Autori.

Sito curato e gestito da Paolo Gerolla
Progettazione e sviluppo: Andrea Gerolla

www.tuttostoria.net ( 2005 - 2016 )
privacy-policy