AVVISO: Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Confermando questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante, acconsenti all'uso dei cookie, altrimenti visualizza l'informativa estesa privacy-policy.aspx
>> Storia Antica > L'Italia Preromana

I Popoli preromani

Prima della conquista da parte dei romani, l’Italia antica si caratterizzava per la presenza sul proprio territorio di diverse popolazioni. La maggior parte di questi popoli erano di origine indoeuropea ed erano presenti nella penisola italica fin dal II° millennio prima di Cristo. Con il passare dei secoli queste genti vennero denominate italici anche a causa del progressivo allargamento del concetto geografico di Italia che, se inizialmente indicava esclusivamente l’estrema punta della Calabria, finì col tempo per indicare tutta la penisola.Le maggiori tra queste comunità furono nell’Italia nordorientale i Veneti, nell’attuale Lazio, nel territorio compreso tra l’Appennino e la costa Latini, Volsci e Equi. Dal versante opposto dell’Appennino, fino allo sconfinamento nelle attuali regioni dell'Umbria e delle Marche vivevano Sabini, Umbri, Marsi, Peligni,Marrucini e Piceni.Scendendo verso sud, in corrispondenza della fascia appenninica posta tra le attuali regioni dell’Abruzzo e della Campania, si trovava il territorio abitato dai Sanniti.Essi non furono mai un popolo unitario ma bensì un insieme di tribù che, in caso di guerra univano le proprie forze per affrontare l’avversario del momento. Nelle zone più interne dell’attuale Campania erano invece stanziati gli Osci. In Puglia il popolo degli Iapigi il cui nome variava a seconda delle diverse località di provenienza. Nell’estremo sud in corrispondenza delle attuali Basilicata e Calabria vivevano invece Lucani e Bruzi. Il quadro delle popolazioni italiche preromane viene completato da due popoli di origine non indoeuropea:i Liguri, che abitavano una regione molto estesa che non comprendeva solamente la Liguria, ma un vasto territorio compreso tra i fiumi Arno e Rodano e gliEtruschi che partendo dall’Etruria, regione compresa tra l’Alto Lazio e la Toscana, crearono propri insediamenti in aree piuttosto distanti tra loro come ad esempio la Pianura Padana e la costa campana.Gli Etruschi furono fino al VI secolo prima di Cristo la società più avanzata del mosaico italico. La Sardegna aveva visto nascere la civiltà Nuragica dei Sardi, popolazione non indoeuropea, cui successivamente fece seguito la colonizzazione da parte dei Fenici. Più complessa la situazione in Sicilia dove convissero a lungo colonie di origine fenicia e greca e le popolazioni autoctone degli Elimi, Siculi e Sicani, questi ultimi di origine non indoeuropea. In ultimo ci sono da considerare le migrazioni di popolazioni galliche nel Nord dell’Italia Insubri, Cenomani,Boi e le fiorenti colonie della Magna Grecia. Liguri, Etruschi, Galli e Greci, non sono inclusi tra i popoli considerati italici e persino i romani, che li assogettarono,li considerarono sempre estranei alla formazione dell’ identità del loro popolo.


Nell’immagine, cartina dell’Italia preromana.
Documento inserito il: 19/12/2014
  • TAG: popoli italici, popoli preromani, italia prima dei romani

Note legali: il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
La responsabilità di quanto pubblicato è esclusivamente dei singoli Autori.

Sito curato e gestito da Paolo Gerolla
Progettazione e sviluppo: Andrea Gerolla

www.tuttostoria.net ( 2005 - 2016 )
privacy-policy