AVVISO: Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Confermando questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante, acconsenti all'uso dei cookie, altrimenti visualizza l'informativa estesa privacy-policy.aspx
>> Storia - Recensioni librarie >

Luoghi e Architetture della Transizione: 1919-1939 [ di Gianluca Padovan ]

Sites and Architectural Structures of the Transition Period: 1919-1939

Nel 2011 è stato avviato il programma di ricerca Dipartimentale del Politecnico di Milano dal titolo: Progetto di architettura per il patrimonio culturale. Restauro, riuso, musealizzazione, in vista delle celebrazioni a ricordo della Prima Guerra Mondiale. Il progetto, condotto dall’arch. Maria Antonietta Breda, si è articolato nei seguenti punti:

1. Storia. Origine e sviluppo dei sistemi difensivi europei: dalle opere in muratura e terrapienate dell’Ottocento alle batterie corazzate in cemento armato e ai successivi valli fortificati della prima metà del Novecento.
2. Conservazione dei manufatti architettonici e degli elementi del “paesaggio militare”. Metodologie di restauro, conservazione e progettazione architettonica per la riqualificazione delle singole opere e dei sistemi difensivi di età contemporanea.
3. Valorizzazione delle opere e dei sistemi territoriali e paesistici. Esperienze di musealizzazione e modalità di valorizzazione delle singole opere e dei sistemi difensivi, soprattutto in relazione al contesto territoriale in cui sono inserite, anche per quanto attiene agli aspetti gestionali.

Lo sviluppo dei temi del programma si è anche articolato in tre congressi, di cui si sono pubblicati gli Atti nella collana Hypogean Archaeology della Federazione Nazionale Cavità Artificiali. Il secondo congresso si è svolto a Milano il 27 e 28 novembre 2012, Aula Castiglioni, Edificio PK, Campus Bovisa. Gli Atti relativi sono i seguenti:

Maria Antonietta Breda (a cura di), Luoghi e Architetture della Transizione: 1919 – 1939. I sistemi difensivi di confine e la protezione antiaerea nelle città. Storia, conservazione, riuso. Sites and Architectural Structures of the Transition Period: 1919 – 1939. Border defense system and air raid protection in the cities. History, conservation, reuse, Hypogean Archaeology n. 8, BAR International Series 2675, Oxford 2014.


Indice degli Atti:

1. La Linea Maginot delle Alpi. Evoluzione, caratteristiche e organizzazione della sistemazione difensiva francese al confine con l’Italia (Davide Bagnaschino)

2. Il Vallo Alpino al confine francese. La fortificazione italiana dell’ultimo conflitto delle Alpi occidentali (Davide Bagnaschino)

3. L’Air Raid Precautions britannica e lo sviluppo delle misure di protezione della popolazione civile 1924-1939 (François-Xavier Bernard)

4. Il “Testimone di cemento”. Le fortificazioni del “Vallo Alpino del Littorio” in Alto Adige, Cadore, Carnia e Tarvisiano (Alessandro Bernasconi)

5. Milano. Un monumento, una fontana ed il rifugio antiaereo (Alfredo Bonfanti)

6. Italia 1919-1939: architettura “interrata” o “diradata” e protezione dei civili nell’esempio di Monza (Maria Antonietta Breda)

7. La protezione dei civili a Como tra le due guerre mondiali (Maria Antonietta Breda, Sara Fumagalli, Gianluca Padovan)

8. La protezione antiaerea piacentina nei fondi dell’Archivio di Stato di Piacenza (1915-1939) (Paolo Conte)

9. Piani di guerra e opere fortificate al confine est: 1866-1939 (Leonardo Malatesta)

10. Border and coastal fortification of the inter-war periode in the former Kingdom of Yugoslavia (Volker Konstantin Pachauer)

11. Italia: riflessioni sulla difesa confinaria e note riguardanti il Vallo Alpino (Gianluca Padovan)

12. “Torre delle Sirene”: il rifugio antiaereo della prefettura di Milano (Gianluca Padovan)


Dal sito Internet dei British Archaeological Reports (barpublishing.com):
«This book, in Italian and English, collects the papers presented at the Second International Congress on Conoscenza e valorizzazione delle opere militari moderne - Knowledge and development of modern military structures, held at the Politecnico di Milano, Campus Bovisa, on 27 and 28 November 2012. The Congress was devoted to two types of military structures made between 1919 and 1939 in Italy and in some European countries: Theatres of war and Air-raid shelters in urban areas. Papers illustrate the structural characteristics and recent experiences of reuse and exploitation, even by cultural Association. It is an important contribution to the development and dissemination of studies on European defensive systems and on air defense of the city between 1919and 1939, a period still poorly understood with regard to the military architecture and the protection of civilians and cities by air raids. The book gathers updated data and documents in many cases unpublished».

Documento inserito il: 20/10/2016
  • TAG: fortificazioni, luoghi, architetture militari, riuso, musealizzazione

Ultimi articoli inseriti


Note legali: il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
La responsabilità di quanto pubblicato è esclusivamente dei singoli Autori.

Sito curato e gestito da Paolo Gerolla
Progettazione e sviluppo: Andrea Gerolla

www.tuttostoria.net ( 2005 - 2016 )
privacy-policy