AVVISO: Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Confermando questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante, acconsenti all'uso dei cookie, altrimenti visualizza l'informativa estesa privacy-policy.aspx
>> Storia Antica > La Repubblica

L'espansionismo romano in Europa in epoca repubblicana.

Dopo aver consolidato il proprio dominio in Italia, Roma iniziò ad estendersi fuori dall’Italia: con le guerre Illiriche, iniziate nel 229 a.C. e terminate nel 167 a.C. con la vittoria di Roma, l’Albania venne sottomessa e frazionata in tante piccole unità amministrative. Nel 200 a.C.venne conquistata anche la Lusitania, attuale Portogallo, che divenne una nuova provincia dell’Impero che i Romani andavano costituendo in Europa. Nel frattempo, in Macedonia, verso il III secolo a.C.Filippo V mirava ad estendere il potere macedone nell’Egeo. Alleatosi con Antiocco III re di Siria, nel 202 a.C. insieme decisero di occupare l’Egitto e di spartirselo.In quel momento Roma non aveva interesse immediato in Oriente, ma Scipione l’Africano vedeva nell’ Oriente un immenso campo di gloria e quindi, nel 200 a.C. Roma dichiarò guerra a Filippo V, che nel 197 a.C. venne sconfitto in Tessaglia. In seguito a questa sconfitta egli rinunciò a tutte le conquiste fatte fino a quel momento. Successivamente, Roma con l’appoggio delle città greche e di Filippo V, sconfisse anche il re di Siria Antioco III. Perseo V succedete a Filippo V sul trono di Macedonia. Perseo oltre al regno ereditò dal padre i grandi sogni di riscossa. Roma vedeva in ciò un pericolo e mosse guerra a Perseo V, che sconfitto venne catturato, consentendo ai Romani di mettere le mani su di un immenso bottino. Con la battaglia di Pidna, nel 168 a.C. il regno di Macedonia viene definitivamente conquistato. La battaglia di Pidna, oltre a segnare la definitiva scomparsa della monarchia macedone, fu decisiva e importante in quanto segnò l’abbandono della linea diplomatica romana a favore di una più energica politica di annullamento degli sconfitti. Nel 133 a.C. si ebbe un ulteriore espansione di Roma, quando Attalo III, ultimo re di Pergamo, lasciava in eredità a Roma il suo regno, che divenne una provincia romana in Asia.
Documento inserito il: 20/12/2014
  • TAG: espansione romana in europa, roma antica repubblicana, guerre illiriche, conquista romana della lusitania

Articoli correlati a La Repubblica


Note legali: il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
La responsabilità di quanto pubblicato è esclusivamente dei singoli Autori.

Sito curato e gestito da Paolo Gerolla
Progettazione e sviluppo: Andrea Gerolla

www.tuttostoria.net ( 2005 - 2016 )
privacy-policy