AVVISO: Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Confermando questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante, acconsenti all'uso dei cookie, altrimenti visualizza l'informativa estesa privacy-policy.aspx
>> Storia Antica > La Repubblica

I rapporti di Roma con gli alleati e le grandi strade

Diversi erano i trattati con cui Roma teneva legate a se le città italiche conquistate. In base alla maggiore o minore resistenza opposta, essa aveva loro concesso patti più o meno vantaggiosi. Queste città erano chiamate municipi; in alcuni di essi la popolazione aveva il diritto alla cittadinanza romana, ai diritti civili e politici e venivano amministrate da propri magistrati. In altre gli abitanti avevano solo i diritti civili. In entrambi i casi esse fornivano truppe all’esercito romano e non potevano fare guerre senza il permesso di Roma. Vi erano poi città fondate dallo Stato per presidiare punti strategicamente importanti del territorio: le colonie. Ai coloni venivano assegnate dallo Stato delle terre in proprietà; essi continuavano a godere di tutti i diritti spettanti ai cittadini romani. Esistevano poi le cittàfederate; alleate di Roma esse conservavano la propria sovranità ma non potevano avere relazioni di alcun tipo con altri stati, ma solo con Roma. I territori posti fuori dai confini della penisola, erano organizzati in provincie governate dai consoli e dai pretori usciti di carica. Questi avevano un enorme potere e disponevano di autorità giuridica e militare. Per governare le provincie si avvalevano della colaborazione di luogotenenti e di un questore incaricato della riscossione delle imposte. Le colonie furono il più potente strumento di diffusione della civiltà romana, così come pure le grandi strade costruite in epoca repubblicana che collegavano Roma con i principali centri della penisola. La più antica, la via Appia, passando per Capua portava a Brindisi;vi erano poi la via Aurelia, che costeggiando il Tirreno conduceva in Liguria per poi proseguire verso la Gallia; la via Flaminia, che oltrepassando l’Appennino giungeva a Rimini; la via Emilia, che partendo da Rimini conduceva nella Gallia Cisalpina.


Nell'immagine, un tratto della Via Appia, la più antica delle strade consolari romane.
Documento inserito il: 19/12/2014
  • TAG: grandi strade romane, roma antica, rapporti di roma con alleati

Articoli correlati a La Repubblica


Note legali: il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
La responsabilità di quanto pubblicato è esclusivamente dei singoli Autori.

Sito curato e gestito da Paolo Gerolla
Progettazione e sviluppo: Andrea Gerolla

www.tuttostoria.net ( 2005 - 2016 )
privacy-policy