AVVISO: Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Confermando questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante, acconsenti all'uso dei cookie, altrimenti visualizza l'informativa estesa privacy-policy.aspx
>> Storia Moderna> In Europa

Il declino della potenza turca

Alla metà, del XVII secolo i Turchi ripresero l’offensiva contro l’Europa centrale, invadendo quella parte dell’Ungheria ancora non sottomessa, giungendo fin sotto le mura di Vienna. Essi furono fermati grazie alla terribile sconfitta loro impartita sulla Raab nel 1663, nella battaglia di San Gottardo, dal condottiero italiano al servizio degli Asburgo: Raimondo Montecuccoli. L'imperatore Leopoldo non seppe però trarre da questa vittoria i giusti vantaggi, preferendo raggiungere con il sultano una pace di compromesso. Questa titubanza, incoraggiò i Turchi, che nel 1683 rinnovarono l’aggressione, ponendo sotto assedio Vienna, che venne salvata dal tempestivo intervento del coraggioso re di Polonia Giovanni Sobieski. Egli riuscì a sgominare le truppe del sultano, ricacciandole verso Sud. In seguito a questa vittoria, Austria, Polonia, Russia e Repubblica di Venezia, costituirono fra loro una lega, che portò le truppe russe in Crimea, mentre i veneziani occuparono la Morea; austriaci e palacchi presero possesso della Dalmazia. Fra le numerose sconfitte patite dai Turchi in quel periodo, vi fu quella del 1697, subita a Zenta, ad opera del principe Eugenio di Savoia, che combatteva al servizio dell’imperatore d’Austria. A seguito di questa sconfitta, nel 1699 il sultano ottomano fu costretto a firmare la pace di Carlowitz, che confermava il possesso della Morea, dell’Isola di Santa Maura e delle Bocche di Cattaro a Venezia, la conquista di Azov alla Russia, ed il possesso dell’Ungheria e della Transilvania all’Austria. Passati nuovamente all’offensiva nel 1716, i Turchi tolsero nuovamente la Morea a Venezia, ma vennero poi nuovamente sconfitti dal principe Eugenio di Savoia a Belgrado: essi furono quindi costretti a sottoscrivere, nel 1718, la pace di Passarowitz, che riconosceva ai turchi il possesso della Morea. Il sultano dovette però cedere la Serbia ed alcune parti della Moldavia agli Asburgo. Era questo l’inizio del declino della potenza turca : per tutto il XVIII secolo essi dovettero tenersi sulla difensiva, sotto la pressione esercitata dalle armate russe e austriache.


Nell’immagine, ritratto del principe Eugenio di Savoia, vincitore sui Turchi nella battaglia di Belgrado.
Documento inserito il: 24/12/2014
  • TAG: impero ottomano, asburgo, battaglia san gottardo, raimondo montecuccoli, assedio vienna, giovanni sobieski, zenta 1697, eugenio savoia, pace carlowitz 1699, pace passarowitz 1718, declino turco XVIII secolo

Articoli correlati a In Europa


Note legali: il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
La responsabilità di quanto pubblicato è esclusivamente dei singoli Autori.

Sito curato e gestito da Paolo Gerolla
Progettazione e sviluppo: Andrea Gerolla

www.tuttostoria.net ( 2005 - 2016 )
privacy-policy