AVVISO: Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Confermando questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante, acconsenti all'uso dei cookie, altrimenti visualizza l'informativa estesa privacy-policy.aspx
>> Storia Antica > Nel Mondo

Il mondo non lo riconobbe: analisi del decimo verso del Vangelo di Giovanni [ di Yuri Leveratto ]

Sebbene l’Evangelista Giovanni nel nono verso del Prologo si era riferito alla “luce vera che veniva nel mondo”, nel decimo verso torna a descrivere l’esistenza previa di Cristo, il Verbo.
“Veniva nel mondo” si riferisce all’incarnazione, che era in procinto di accadere. “Era nel mondo”, invece, si riferisce alla sua esistenza eterna, al verbo, il Logos.
Vediamo il decimo verso del Prologo:

Era nel mondo e il mondo fu fatto per mezzo di lui e il mondo non lo riconobbe.

Vediamo la corrispondente pronuncia in greco:

En tō kosmō ēn kai ho kosmos di’ autou egeneto kai ho kosmos auton ouk egnō

Nel nono verso abbiamo visto che l’Evangelista utilizzava il verbo “erchomenon”, ossia “veniva”. Ma nella prima parte del decimo verso si utilizza il verbo “en”, ossia “era”, l’imperfetto durativo del verbo eimi, che come abbiamo visto varie volte, si riferisce, nel Prologo del Vangelo di Giovanni, all’eternità di Cristo.
La parola “kosmos”, (mondo), ha molteploci significati. In questo caso si riferisce all’universo, l’insieme dello spazio fisico dove sono inclusi il sole e la terra.
La frase “era nel mondo”, può intendersi come: “Cristo non si è mai separato dalla sua creazione”. Al contrario, si è sempre occupato con amore di ciò che ha creato, e continua con la sua azione a mantenere l’armonia e l’ordine. Cristo pertanto non ha solo creato il mondo ma continua ad esserne la forza sostentatrice.
Questo concetto è espresso anche da Paolo di Tarso nella Lettera ai Colossesi (1, 17):

Egli è prima di tutte le cose
e tutte in lui sussistono.


La parola greca originale per “sussistono” è “sunesteeken”, che significa “mantenere unito”.
Il kosmos è appunto un insieme ordinato di forme, che sussistono in armonia. Pensiamo per un attimo alla terra, che ruota su se stessa e intorno al sole, alla luna che causa le maree, alle piante che crescono e producono foglie e frutti, dei quali si alimentano gli animali. E’ un insieme armonico, contrapposto al caos, ossia al disordine.
Questo concetto viene espresso anche nella Lettera agli Ebrei, (1, 3):

Egli è irradiazione della sua gloria e impronta della sua sostanza, e tutto sostiene con la sua parola potente. Dopo aver compiuto la purificazione dei peccati, sedette alla destra della maestà nell’alto dei cieli,

Tutto sostiene, ossia l’universo, viene reso in greco con le parole phernoon ta panta.
Mentre nei versi precedenti del Prologo si evince che Cristo esisteva prima della creazione (1, 1) e che lui creò l’universo (1,3), in questa prima parte del decimo verso si afferma che lui sosteneva l’universo.
Ciò ovviamente non deve essere frainteso con il panteismo. Che Cristo sia nel mondo, ossia che si occupi della sua creazione, non significa che lui “sia il mondo”. La natura non è Dio come alcuni erroneamente credono, ma è semplicemente una creazione di Dio.
Nella seconda parte del decimo verso vi è scritto: “e il mondo fu fatto per mezzo di lui”. Il verbo utilizzato qui è “egeneto”, ossia “creare, fare, entrare in esistenza”. E’ lo stesso verbo utilizzato nel terzo verso del Prologo.
Giovanni pertanto usa “egeneto” quando vuole riferirsi ad un fatto storico che è successo in un determinato momento: la creazione del mondo. In pratica Giovanni ribadisce quanto affermato nel terzo verso.
Nell’ultima parte del decimo verso vi è scritto: “e il mondo non lo riconobbe”.
La parola kosmos si usa anche per riferirsi all’insieme degli esseri umani, ossia l’umanità. (1).
Le parole greche tradotte “non lo riconobbe”, sono ouk egnō. E’ il tempo aoristo del verbo ginoosko, “conoscere”. Significa: “conoscere per osservazione” e differisce dal verbo “eidenai” che significa “conoscere per riflessione”. In pratica questa terza frase del decimo verso significa che quando il Verbo si è incarnato nella persona di Gesù Cristo, è stato osservabile, visibile, ma malgrado ciò l’umanità (il mondo) nel suo complesso non lo ha riconosciuto come il Cristo eterno, il Logos.
Ciò si evince anche dal seguente verso del Vangelo di Giovanni (16,3):

E faranno ciò perché non hanno riconosciuto ne il Padre, ne me.

Sarà nel dodicesimo en el tredicesimo verso che Giovanni descriverà invece chi sono coloro i quali lo hanno accolto.

Nell'immagine, il Codex Bezae, Prologo del Vangelo di Giovanni 1, 1-16 AD 400.


Note: (1) Altre volte la parola kosmos si riferisce all’insieme dei comportamenti umani considerati negativi dal punto di vista biblico. Documento inserito il: 19/08/2016

Articoli correlati a Nel Mondo


Note legali: il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
La responsabilità di quanto pubblicato è esclusivamente dei singoli Autori.

Sito curato e gestito da Paolo Gerolla
Progettazione e sviluppo: Andrea Gerolla

www.tuttostoria.net ( 2005 - 2016 )
privacy-policy