AVVISO: Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Confermando questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante, acconsenti all'uso dei cookie, altrimenti visualizza l'informativa estesa privacy-policy.aspx
>> Approfondimenti > Recensioni Librarie

In libreria 'Da Gramsci a Occhetto. Nobiltà e miseria del PCI. 1921-1991'

In libreria per la casa editrice Della Porta l'atteso saggio di Franco Andreucci Da Gramsci a Occhetto. Nobiltà e miseria del PCI. 1921-1991.

La storia del partito che ha unito e diviso gli italiani in quattrocentocinquanta appassionate pagine: i leader carismatici, le lotte, gli ideali, le tragedie, le colpe, dal Congresso di Livorno fino allo scioglimento nel 1991.
Il saggio ripercorre i settant’anni di storia del Partito comunista italiano, dal congresso di fondazione nel 1921 fino allo scioglimento, avvenuto il 3 febbraio 1991. I protagonisti si muovono in un universo ampio e tragico: di esso sono parte la clandestinità durante il fascismo, le purghe staliniste, la Resistenza, il radicamento nella società italiana, la lotta politica negli anni della Repubblica, l'eurocomunismo di Enrico Berlinguer.

Il saggio esamina il ruolo e le responsabilità del PCI – di Palmiro Togliatti in particolare – nelle vicende internazionali, esplicitando il senso e la profondità del legame di ferro che lo ha unito all'Unione Sovietica di Stalin e portato a giustificare tanti crimini.

In un'Europa divisa tra fascismo e antifascismo, rivivono i protagonisti dell'epopea comunista, con le loro ideologie e i loro ideali. Il risultato è un saggioappassionante e chiarificatore, che descrive magistralmente il mondo reale in cui si è mosso il PCI, ma anche la sua mentalità e l'eredità che ha lasciato all'Italia.

Secondo lo storico Archie Brown, quando si scrive un libro sul comunismo è utile avere avuto su di esso una qualche esperienza: aver conosciuto qualche personalità o aver sperimentato qualche aspetto del socialismo reale. Franco Andreucci questa esperienza l'ha avuta. L'ha avuta militando nelle organizzazioni comuniste italiane e l'ha avuta almeno in un paese comunista al suo massimo splendore, la DDR.

Come ha scritto Diego Gabutti su "Sette Magazine", Andreucci è "il primo storico che si occupa del Pci a partita definitivamente chiusa, senza le compiacenze d'un tempo". E ancora: "Per questo Da Gramsci a Occhetto è un libro importante: non solo perché è un bel libro, ma anche perché potrebbe essere l'ultimo".

Franco Andreucci
Da Gramsci a Occhetto. Miseria e nobiltà del PCI 1921-1991
Pagine 468 Prezzo 20,00 Euro
In libreria
ISBN 978-88-96209-13-4
Documento inserito il: 03/02/2015

Articoli correlati a Recensioni Librarie


Note legali: il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
La responsabilità di quanto pubblicato è esclusivamente dei singoli Autori.

Sito curato e gestito da Paolo Gerolla
Progettazione e sviluppo: Andrea Gerolla

www.tuttostoria.net ( 2005 - 2016 )
privacy-policy