AVVISO: Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Confermando questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante, acconsenti all'uso dei cookie, altrimenti visualizza l'informativa estesa privacy-policy.aspx
>> Approfondimenti > Recensioni Librarie

Hugh Alton a Caporetto [ di ]

Hugh Dalton in Italia viene ricordato per la sua partecipazione alla battaglia di Caporetto. Allora 30enne, Dalton ricevette la Medaglia di bronzo al Valor militare. Quello che le sue memorie Con gli inglesi sul fronte italiano, non raccontano, però, è la sua partecipazione alla politica britannica negli anni successivi, nelle file dei laburisti. La fine della sua carriera politica ad alto livello arrivò però a causa di un leakage avvenuto ben prima di Internet e dell’era Snowden.
Era il 1947 e Dalton ricopriva l’incarico di Cancelliere dello scacchiere, un ministero con responsabilità finanziarie. Anche il caso di Dalton riguardava la stampa: poco prima della presentazione del budget alle Camere, infatti, il politico parlò con un giornalista del quotidiano The Star. La notizia uscì ancora prima che Dalton avesse finito il suo discorso in Parlamento, nell’edizione della sera. Internet non sarebbe stato inventato prima di vent’anni, ma i meccanismi all’opera erano già gli stessi.
La politica britannica non perdonava e Dalton fu spinto a dare le dimissioni già il giorno dopo lo scandalo. Questo portò anche Whitehall a stabilire che le rivelazioni su questioni di budget erano più gravi di qualsiasi altro leakage sulla politica interna. Nel 2013 accadde lo stesso al politico George Osborne, segno che i tempi si ripetono.
Che cos’erano, quindi, queste rivelazioni così importanti? Riguardavano le tasse: «Niente sul tabacco, un penny sulla birra, qualcosa su cani e piscine ma niente sui cavalli» e così via. Winston Churchill, allora all’opposizione, gli offrì la sua simpatia e il Primo ministro dell’epoca Clement Attlee accettò le sue dimissioni. Anni dopo, Attlee lo definì così in un’intervista: «Il suo problema era che parlava troppo. Gli piaceva avere un segreto per poterlo rivelare a qualcuno, così da entrare nelle sue grazie». Tutto questo avveniva trent’anni dopo Caporetto, il disastro su cui Dalton diede il suo punto di vista in Con gli inglesi sul fronte italiano, in uscita per Itinera Progetti.
Documento inserito il: 19/01/2017

Articoli correlati a Recensioni Librarie


Note legali: il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
La responsabilità di quanto pubblicato è esclusivamente dei singoli Autori.

Sito curato e gestito da Paolo Gerolla
Progettazione e sviluppo: Andrea Gerolla

www.tuttostoria.net ( 2005 - 2016 )
privacy-policy