AVVISO: Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Confermando questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante, acconsenti all'uso dei cookie, altrimenti visualizza l'informativa estesa privacy-policy.aspx
>> Storia Contemporanea > Nel Mondo

La guerra contro la conoscenza - 1a parte [ di Fabio Calabrese ]

Oggi cristianesimo e democrazia sono i peggiori nemici del sapere, in difesa dell'autorevolezza di un libro anacronistico che si continua a pretendere “sacro”, e per far valere a tutti i costi il dogma dell'uguaglianza degli uomini.
In Origini del monoteismo e sue conseguenze in Europa (1), Gianantonio Valli e Silvano Lorenzoni, parlando dello studio delle differenze psicologiche fra i diversi gruppi umani che stanno alla base delle differenze religiose, hanno osservato che da questo punto di vista “Nel 1945 in Europa sono calate le tenebre”.
Lo studio delle differenze fra gli uomini e fra i gruppi umani, fra le razze – diciamola pure questa parola tabù – che è tutt'altra cosa da politiche di discriminazione o tanto più di sterminio, è stato soppresso, cancellato, demonizzato per fare posto al dominio incontrastato del dogma democratico dell'uguaglianza, e oggi l'Europa si trova a dover affrontare un imponente fenomeno di immigrazione allogena, non solo con le mani legate, ma con gli occhi chiusi.

Per leggere l'articolo completo cliccate sul link a fondo scheda.
Documento inserito il: 28/11/2014

Articoli correlati a Nel Mondo


Note legali: il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
La responsabilità di quanto pubblicato è esclusivamente dei singoli Autori.

Sito curato e gestito da Paolo Gerolla
Progettazione e sviluppo: Andrea Gerolla

www.tuttostoria.net ( 2005 - 2016 )
privacy-policy