AVVISO: Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Confermando questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante, acconsenti all'uso dei cookie, altrimenti visualizza l'informativa estesa privacy-policy.aspx
>> Storia Contemporanea > In Europa

Attraverso la Gran Bretagna i poteri mondiali sferrano l'ennesimo attacco alla Russia [ di Daniela Asaro Romanoff ]

I poteri mondiali, che ci tiranneggiano, che vogliono creare la miseria per tutti, i poteri che hanno programmi ben precisi contro tutte le persone oneste di questo mondo, questi poteri, che oramai moltissima gente conosce bene, stanno vomitando tutto il loro veleno contro la Russia, attraverso la Gran Bretagna.
Esattamente come 100 anni fa la Russia dà fastidio e quasi tutti i mezzi mediatici planetari sono nelle mani di questi signori del denaro, per cui noi siamo una maggioranza silenziosa, che loro zittiscono con prepotenza.
La Russia dà fastidio e danno fastidio i suoi dirigenti che difendono l'identità nazionale, la profonda spiritualità e soprattutto non cedono la Banca centrale, Russia sempre schierata contro il dominio dei poteri forti mondiali.
Si tenta in tutti i modi di manipolare l'opinione pubblica con fatti eclatanti, si organizzano stragi, attentati, ecc.ecc, incolpando la Russia.
Viene esibito dai subdoli poteri mondiali l'avvelenamento dell’ex spia Sergei Skripal e di sua figlia, i russi sono i colpevoli che l'opinione pubblica deve odiare … .
Noi, minoranza silenziosa, siamo stanchi di tanta sanguinaria ipocrisia!
In questo attacco feroce all'identità nazionale della Russia noi vediamo i subdoli attacchi alla società tutta: distruzione della famiglia, distruzione dei valori, annientamento delle qualità umane, dobbiamo essere docilmente telecomandati dai poteri forti … .

Basta! Siamo stanchi!

Non è piacevole per me scrivere questo articolo proprio in una giornata in cui vedo chiaramente che tutto sta crollando sotto i colpi ben assestati dei poteri mondiali. Essendo impegnata nel volontariato, vedo una povertà che è vergognosa, esseri umani alla deriva. Quando gli Stati potevano ancora essere tali, l'essere umano aveva una grande dignità, ma non deve essere così, gli Stati non devono più esistere, la famiglia non deve più esistere, i cani sciolti sono più facilmente manovrabili … .

Ripeto: siamo stanchi, i poteri mondiali ci stanno togliendo l'aria che respiriamo!

Io invito l'opinione pubblica a vedere in questo perfido attacco alla Russia, un attacco a tutta la società civile.
Noi non stiamo dalla parte di chi ha un credo luciferino, noi siamo russi, noi tutti lo dico nella lingua dei poteri mondiali: “We are russians”.
La maggioranza silenziosa, che sa bene che la Russia viene attaccata in tutti i modi perché non cede la Banca centrale, deve opporsi ai mezzi mediatici martellanti di questi poteri.

We are russian!

Citiamo le frasi di un uomo, che ha sì commesso grossi errori, ma si era chiaramente schierato contro i poteri che massacrano il nostro mondo: John Fitzgerald Kennedy.
E fu assassinato.

““Il comunismo non è mai andato al potere in un paese che non fosse smembrato dalla guerra o dalla corruzione, o da entrambe.”

Riflettiamo … il comunismo che ha straziato per settant'anni l'identità della Russia non veniva dal popolo … è stato il più grande olocausto della storia dell'umanità: 85 milioni di morti. Ma questo olocausto russo viene nascosto dai mezzi mediatici dei padroni del mondo.
E adesso si vuole provocare un altro sconvolgimento della Russia?
Attraverso subdoli giochi si manifestano i padroni del mondo, vogliono apparire sempre bravi, buoni e belli agli occhi del mondo.
Non c'è molto di britannico in questo scenario che contrappone la Gran Bretagna alla Russia. Riflettiamo.

Un'altra frase di Kennedy:
“Quelli che rendono impossibili le rivoluzioni pacifiche rendono le rivoluzioni violente inevitabili.”

Riflettiamo … e come si può non dire che in questo particolare momento: “We are Russians!!”

… E come è difficile scrivere questo articolo.

Diceva John Fitzgerald Kennedy:
“Tre cose esistono veramente: Dio, la follia umana e il riso. Le prime due sono oltre la nostra comprensione, quindi dobbiamo accontentarci della terza.”

“L'uomo rimane il più straordinario dei computer.”

“L'alto ufficio del Presidente è stato usato per fomentare un complotto per distruggere la libertà degli Americani, e prima che io lasci la carica devo informare i cittadini di questa situazione.”

“La vita è ingiusta.”

Sì, la vita di tutti noi viene resa ingiusta quotidianamente da chi opprime la società per i suoi scopi “monetari”, gli Stati ormai sono quasi inesistenti, per quanto si diano da fare, le persone di grande talento saranno sempre sorpassate da chi è entrato a far parte di questi poteri, e se noi saremo accondiscendenti,
sempre di più la vita di tutti noi sarà ingiusta.

In questo momento più che mai: “We are russians”.

E si vorrebbe ricordare a certi spietati signori, che Dio c'è.

Anche il sanguinario efferato Stalin fu travolto dalla potenza della Madonna di Kazan.

“We are russian”.

Convertite i vostri cuori, convertite i vostri cuori, signori del denaro, il potere assoluto su tutti noi non può essere il vostro dio, voi siete sempre insoddisfatti e corrosi da tanta rabbia.

“We are russian!” E in questo particolare momento siamo vicini a tutto il popolo russo e al Presidente Putin, malgrado tutti i suoi errori, ha sempre difeso strenuamente l'identità della Russia, i suoi preziosi valori e tradizioni, la meravigliosa spiritualità del popolo russo … e non cede la Banca centrale … .
Documento inserito il: 16/03/2018
  • TAG: russia, sergei skripal, spionaggio, gas nervino

Articoli correlati a In Europa


Note legali: il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
La responsabilità di quanto pubblicato è esclusivamente dei singoli Autori.

Sito curato e gestito da Paolo Gerolla
Progettazione e sviluppo: Andrea Gerolla

www.tuttostoria.net ( 2005 - 2016 )
privacy-policy