AVVISO: Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Confermando questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante, acconsenti all'uso dei cookie, altrimenti visualizza l'informativa estesa privacy-policy.aspx
>> Storia Contemporanea > La Seconda Guerra Mondiale

Cefalonia: Pampaloni e i caduti attendono smentita [ di Gianfranco Ianni ]

Scrivo per smaltire la solita grande abbuffata di balle sui fatti di Cefalonia. Ne è ancora pieno il web. Di vecchi e nuovi post. Giaculatorie con cui si sèguita a celebrare Amos Pampaloni, uno degli ufficiali ribelli della divisione Acqui, fiore all’occhiello della storiografia resistenziale su Cefalonia, icona della Firenze rossa. Eppure, ero convinto che certa impudenza fosse finalmente cessata, dopo la pubblicazione del mio libraccio Rapporto Cefalonia (Solfanelli, 2011). Dove do conto della sconfessione della sua condotta che Pampaloni mi affidò nell’intervista del 17 ottobre 2005 nella sua dimora fiorentina. Facendo umilmente ammenda della decisione di sparare d’iniziativa sulle due motozattere tedesche che trasportavano rifornimenti per il distaccamento di Argostóli, non truppa e carri armati come troppo disinvoltamente aveva riferito dopo la guerra. Di non aver provveduto per tempo a stroncare sul nascere la rivolta della sua batteria. E anzi incoraggiandola. Di aver dato vita al movimento antitedesco con altri campioni dell’artiglieria e della marina, che dopo le rappresaglie sarebbero divenuti i più zelanti collaboratori degli killer dei propri compagni. Di non aver messo agli arresti un suo decerebrato sottoposto che aveva preso a moschettate il tenente colonnello Carlo Matteo Deodato, comandante di gruppo, per il sol torto d’aver valutato come inattuabile un confronto armato con l’alleato. Pampaloni, peraltro, mi raccontò che dopo l’armistizio l’unico desiderio dei soldati era di tornarsene a casa, non certo quello di rischiar sul serio i fondelli attaccando i tedeschi per ragioni «etiche» e «politiche». E fu Pampaloni a dirmi dei tentativi di Apollonio di convincerlo a valorizzarne la sedizione per spianargli la strada a una fulgida carriera militare. O in subordine, politica. Nelle file di Dc o Pci, non avrebbe fatto davvero alcuna differenza: un anticipatore ante litteram del compromesso storico. Meno male che gli è andata bene quella militare. Diversamente, avremmo avuto con Berlinguer un altro apostolo dell’attuazione dei cosiddetti governi di solidarietà nazionale. E fu Pampaloni, infine, a riconoscere che il deliberato attacco alle motozattere contribuì in maniera determinante ad acuire nei tedeschi la risoluzione a porre in atto l’ignobile rappresaglia contro i soli ufficiali della Acqui.
Altro argomento che campeggia sul web, il cosiddetto referendum indetto da Gandin. Che avrebbe determinato i soldati a scegliere la lotta al tedesco rifiutando la resa. Gandin, in realtà, avendo ricevuto dal comando supremo italiano l’ordine di resistere all’ingiunzione tedesca di resa, per misurare il morale combattivo della truppa si era guardato bene dal comunicarglielo, preferendo sentirne il polso con l’espediente del test. Diversamente ne avrebbe ottenuto l’obbedienza, non la reale volontà di battersi. Per altro verso, non tutta la divisione fu testata. E dei reparti che lo furono, la maggior parte si disse contraria al combattimento. Notizia ribadita dal racconto che il 18 ottobre 2005 mi fece in Roma il fante Olinto Perosa del 317°, riferendo con dovizia di particolari dello svolgimento che il test ebbe nel suo reparto: nessuno si disse disposto a impugnar le armi.
Un altro argomento m’induce a una ferrea dieta da balle storiografiche, attraverso l’esercizio della scrittura di cui indegnamente faccio uso: le cifre relative ai caduti per mano tedesca. Dal 2006, Massimo Filippini le ha indicate in meno di duemila. E documenti alla mano, mica a chiacchiere. Eppure, a ogni commemorazione ufficiale, Destra e Sinistra se la suonano a ciglio umido riferendo di circa diecimila morti. Ma so’ proprio de coccio, allora? Ce sono, o ce fanno? Oddio le lacrime versate su ogni stele che ricorda i caduti della Acqui! E non ritenendo che siano de coccio, né che ce sono, dovrò di conseguenza presumere che ce fanno. Il perché è presto detto: ammettessero il dato oggettivo dei duemila morti riferito da Filippini, verrebbe ineluttabilmente a cadere l’assunto che un’intera divisione avrebbe consapevolmente deciso di impugnare le armi contro il tedesco e d’immolarsi sull’altare dell’onore. Con l’evidente necessità, da parte degli assertori, di chiedere quantomeno scusa ai molti lettori, spettatori e telespettatori che hanno mandato a memoria una balla del genere.
Infine, non posso fare a meno di riferire che i miei studi approfonditi sui fatti di Cefalonia hanno portato al risultato che su 11.525 uomini solo due o trecento si spesero nella battaglia fino al sacrificio. E furono per la maggior parte ufficiali. Il resto della divisione si arrese pressoché immediatamente. E dunque, continuare a parlare di resistenza della Acqui par essere un vuoto esercizio retorico, che nella sua vaghezza romantica non rende giustizia alla storia.
Chi apprende della folgorazione di Pampaloni sulla via di Firenze, come delle cifre dei caduti per mano tedesca, della reale portata del test-espediente di Gandin e della resa della Acqui, non ha che due sole possibilità: prenderne atto o contraddirle con dati verificabili. Chi capricciosamente le nega per seguitare a sostenere tesi inverosimili per interessi di bottega, invece, non ha alcuna autorevolezza per pretendere di essere ascoltato. Perciò, converrebbe che i capricci li andasse a fare in un altro posto.
Documento inserito il: 31/12/2014
  • TAG: cefalonia, amos pampaloni, divisione acqui, referendum, generale gandin, caduti reali

Articoli correlati a La Seconda Guerra Mondiale


Note legali: il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
La responsabilità di quanto pubblicato è esclusivamente dei singoli Autori.

Sito curato e gestito da Paolo Gerolla
Progettazione e sviluppo: Andrea Gerolla

www.tuttostoria.net ( 2005 - 2016 )
privacy-policy