AVVISO: Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Confermando questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante, acconsenti all'uso dei cookie, altrimenti visualizza l'informativa estesa privacy-policy.aspx
>> Storia Contemporanea > La Seconda Guerra Mondiale

Operazioni di guerra: la battaglia di 'Argostoli' o 'Monte Telegrafo'. [ di Generoso Mele ]

La battaglia di “Argostoli” fu la più considerevole e onerosa di tutte le operazioni di guerra e degli scontri tra italiani e tedeschi nel quadro generale della battaglia di Cefalonia(1) (allegato “A”). Da alcuni storici è denominata “Battaglia di Cima Telegrafo” o di “Monte Telegrafo”, oppure ancora “Battaglia delle colline di Argostoli”, perché fu combattuta in gran parte sulle alture nei pressi del capoluogo dell’isola. Si ritiene più appropriato denominare la battaglia con l’obiettivo principale dello scontro, al quale i tedeschi puntavano con due colonne, operanti: una, lungo la direttrice San Teodoro – Cima Telegrafo – Faraò, e costituita dal Gruppo Tattico Fauth(2), e l’altra nel settore orientale, lungo la direttrice Kardakata – Pharsa – Prokopata, quest’ultima sede del Comando Tattico italiano: in entrambi i settori furono i tedeschi ad assumere l’attacco.
Con lo scadere della proroga del termine dell’ultimatum italiano al comando tedesco dell’isola(3), alle ore 14.00 del 15 settembre, arrivava la risposta tedesca consistente nell’effettuazione di un violentissimo bombardamento aereo, con aeroplani da picchiata Stukas contro le postazioni italiane, le fortificazioni e i reparti delle colline.

Leggi l'articolo
Documento inserito il: 28/12/2014
  • TAG: seconda guerra mondiale, battaglia argostoli, operazioni belliche, cefalonia, cima telegrafo, monte telegrafo, armistizio, 8 settembre 1943

Articoli correlati a La Seconda Guerra Mondiale


Note legali: il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
La responsabilità di quanto pubblicato è esclusivamente dei singoli Autori.

Sito curato e gestito da Paolo Gerolla
Progettazione e sviluppo: Andrea Gerolla

www.tuttostoria.net ( 2005 - 2016 )
privacy-policy