AVVISO: Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Confermando questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante, acconsenti all'uso dei cookie, altrimenti visualizza l'informativa estesa privacy-policy.aspx
>> Storia Contemporanea > La Seconda Guerra Mondiale

La Folgore tra R.S.I. e Regno del Sud [ di Fabrizio Ciuffi ]

Il valore di un’idea è dato dal prezzo che si è disposti a pagare per essa

Introduzione
In questa ricerca s’intende approfondire e analizzare un argomento che è oscuro ai più e che nasce in un contesto drammatico quale l’armistizio dell’8 settembre 1943.
L’idea di realizzare tal elaborato ha origine in una calda giornata d’agosto, durante una visita al sacrario italiano di El Alamein, ove riposano le spoglie di molti che s’immolarono per una guerra voluta dai vertici dello Stato e combattuta, in modo egregio ed eroico, dai tanti attori protagonisti di quello scenario.
Una battaglia, quella di El Alamein, ove le truppe dell’Asse furono vinte dall’armata di Montgomery, che le portò a iniziare una ritirata lungo le direttrici che le avevano spinte ad un passo da Alessandria d’Egitto. Ma nella stessa battaglia, che ora viene sintetizzata in un solo avvenimento, ma che in realtà fu caratterizzata da mesi di guerra difensiva in trincea, vi furono anche coloro che, appartenenti all’armata italo-tedesca, paradossalmente, la battaglia la vinsero e non vennero mai battuti: i paracadutisti della Folgore. La punta di diamante dell’esercito italiano che resistette e contrattaccò, che si arrese soltanto dopo aver terminato le munizioni, ridotta a brandelli umani, ma conservando alto lo spirito combattivo.
Ai più, e purtroppo anche a una parte di storiografia, la Folgore cessò di esistere in quel terribile deserto. Pochi sanno che ripeté le gesta anche a Takrouna, in Tunisia, e, ancora meno, conoscono le vicissitudini, in Italia, dei paracadutisti reduci e non, dopo la rotta africana. Qui inizia questo elaborato.

Tesi di Laurea del Dott. Fabrizio Ciuffi

Per l'utilizzo, anche solo parziale, di questo elaborato, occorre richiedere il permesso all'autore, Dott. Fabrizio Ciuffi all'indirizzo e-mail fabrizio.ciuffi@gmail.com Ogni abuso sarà perseguito per vie legali.


Si ringrazia il Dott. Fabrizio Ciuffi per l'invio ed il permesso alla pubblicazione della Sua Tesi.
Documento inserito il: 29/12/2014
  • TAG: paracadusti folgore, regno del sud, repubblica sociale italiana, seconda guerra mondiale, armistizio, 8 settembre 1943, el alamein, storia reparto, scelta campo, valore

Articoli correlati a La Seconda Guerra Mondiale


Note legali: il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
La responsabilità di quanto pubblicato è esclusivamente dei singoli Autori.

Sito curato e gestito da Paolo Gerolla
Progettazione e sviluppo: Andrea Gerolla

www.tuttostoria.net ( 2005 - 2016 )
privacy-policy