AVVISO: Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Confermando questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante, acconsenti all'uso dei cookie, altrimenti visualizza l'informativa estesa privacy-policy.aspx
>> Storia Contemporanea > La Seconda Guerra Mondiale

Estate 1940: la grande occasione perduta [ di Davide Papini ]

Considerazioni sulla strategia mussoliniana nei primi tre mesi di guerra.

L'Italia entrò in guerra il 10 giugno 1940. Secondo Mussolini, non c'era più motivo per restare fuori da un conflitto il cui esito sembrava ormai scontato. Avendo eluso la linea Maginot attraverso le Ardenne, in poco più di una settimana le armate corazzate tedesche avevano raggiunto la Manica spezzando in due lo schiaramento alleato. Gli inglesi avevano precipitosamente evacuato il loro corpo di spedizione, mentre l'esercito francese rimaneva sul campo di battaglia come un pugile frastornato che attendeva soltanto il colpo del ko. La Germania aveva vinto la guerra divenendo così la principale potenza del continente...

Ringrazio il Dott. Davide Papini per l'invio ed il permesso alla pubblicazione di questo Suo articolo.
Documento inserito il: 31/12/2014
  • TAG: 10 giugno 1940, seconda guerra mondiale, italia guerra, stategia mussoliniana, fallimento, notte taranto, fronte africano, impreparazione militare

Articoli correlati a La Seconda Guerra Mondiale


Note legali: il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
La responsabilità di quanto pubblicato è esclusivamente dei singoli Autori.

Sito curato e gestito da Paolo Gerolla
Progettazione e sviluppo: Andrea Gerolla

www.tuttostoria.net ( 2005 - 2016 )
privacy-policy