AVVISO: Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Confermando questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante, acconsenti all'uso dei cookie, altrimenti visualizza l'informativa estesa privacy-policy.aspx
>> Storia Contemporanea > La Prima Guerra Mondiale

Omaggio ai muli della Grande Guerra [ di Maury Fert ]

"Tre volte cadde sulla mulattiera, poi la mitraglia al suolo l''inchiodò. Nell''occhio spento c''era una preghiera, il conducente in pianto lo baciò"

Umile e generoso, forte instancabile lavoratore coraggioso, a cadere a terra è un mulo, uno dei tanti muli che trovarono la morte nel corso della Prima Guerra Mondiale. A baciarlo è un alpino di cui quel mulo fu fedele compagno d''armi.
Insieme avevano percorso sentieri impervi, condiviso silenziosamente fatiche e rischi, sopportato con pazienza durissime privazioni. Insieme si erano sacrificati per la Patria.
Nel corso del Primo Conflitto Mondiale si creò l''indiscutibile connubio dei muli con i soldati e soprattutto con i servizi di artiglieria alpina.
Durante la Grande Guerra il mulo rappresentò l''unico mezzo di trasporto attraverso i difficili sentieri alpini che, non a caso, continuavano a essere chiamati "mulattiere". Autentico mezzo da combattimento, il mulo fu fondamentale per trasportare le armi e rifornire i reparti logistici in alta montagna. L''ultimo censimento ne dava presenti al fronte ben 520.000 capi.

PREGHIERA DEL MULO AL SUO CONDUCENTE
"Non ridere o mio conducente ma ascolta questa mia preghiera. Accarezzami spesso e parlami imparerò così a conoscere la tua voce ti vorrò bene e lavorerò più tranquillo. Sii buono comprensivo e paziente pensando che anche noi muli siamo di carne e di ossa. E ricorda anche che migliaia dei miei fratelli per portare ai reparti armi e mezzi sono morti straziati dai proiettili e dalle bombe travolti dalla tormenta o dalle valanghe annegati nei torrenti e nel fango esauriti dalle fatiche dalla sete e dal gelo. Ricordati mio caro conducente che come tu hai bisogno di me io non posso fare a meno di te. Dobbiamo quindi scambievolmente conoscerci comprenderci e volerci bene per formare una coppia perfetta. Ricordati mio caro conducente che come tu hai bisogno di me io non posso fare a meno di te." Documento inserito il: 25/10/2015

Articoli correlati a La Prima Guerra Mondiale


Note legali: il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
La responsabilità di quanto pubblicato è esclusivamente dei singoli Autori.

Sito curato e gestito da Paolo Gerolla
Progettazione e sviluppo: Andrea Gerolla

www.tuttostoria.net ( 2005 - 2016 )
privacy-policy