AVVISO: Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Confermando questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante, acconsenti all'uso dei cookie, altrimenti visualizza l'informativa estesa privacy-policy.aspx
>> Storia Contemporanea > La Prima Guerra Mondiale

31 marzo 1918: la preparazione della battaglia del solstizio [ di Maury Fert ]

Con l'arrivo della primavera la Grande Guerra riprese in tutta Europa. La Germania, dopo aver firmato la Pace di Brest-Litovsk con la Russia Sovietica ( 3 marzo 1918), lanciò l'ennesima offensiva sul fronte occidentale mettendo in seria difficoltà la Francia.
Il Primo Ministro francese Clemenceau scelse quindi di utilizzare l'astuzia diplomatica per destabilizzare la Triplice Alleanza e pubblicò il tentativo di pace separata offerta da Carlo I lo scorso anno.
La notizia mandò su tutte le furie Guglielmo II. Egli scoprì come l'Austria-Ungheria si fosse accordata per sostenere, una volta finita la guerra, il passaggio dell'Alsazia e della Lorena, a quel tempo amministrate dalla Germania, alla Francia.
Il 31 marzo il Kaiser incontrò a Spa, in Belgio, Carlo I, chiedendogli una duplice prova di fiducia: creare al termine della guerra un'unione pantedesca e promuovere un'azione lungo il fronte italiano per sostenere quella tedesca in Francia. L'Imperatore asburgico fu messo all'angolo e dovette accettare questa sorta di ultimatum.
La notizia venne accolta favorevolmente da Conrad che ancora una volta suggerì un attacco sull'Altopiano di Asiago. Svetozar Borojevic invece, apprese questa comunicazione con molto pessimismo: era convinto che gli Imperi Centrali fossero sull'orlo di una sconfitta imminente e le poche forze rimaste all'esercito non sarebbero riuscite a sfondare il nuovo fronte.
A questi problemi se ne aggiunsero altri: la diserzione di 200.000 soldati ungheresi assottigliò ulteriormente le già scarne divisioni asburgiche, tanto da richiamare al fronte anche la classe 1900. Mancavano le risorse basilari come armi, munizioni, e sopratutto cibo. Infine gli echi dei tumulti popolari all'interno del Paese e le nascenti tensioni nazionalistiche, giunsero fino alle trincee creando ulteriori problemi nella convivenza tra i soldati.
Ciononostante l'Imperatore fu irremovibile e ordinò l'inizio di una nuova offensiva per l'11 giugno 1918. L'esercito poteva contare su 23 Divisioni dislocate sull'Altopiano di Asiago e su 15 disposte lungo il corso del Piave.
L'obiettivo era chiaro: sfondare a est e a sud verso Venezia e Padova in modo da far retrocedere la linea italiana sull'Adige. Molti soldati nonostante tutto erano esaltati da questa nuova offensiva: qualunque fosse stato il risultato erano certi che quella sarebbe stata l'ultima battaglia.

Nell'immagine Postazione austriaca sull'Altopiano della Bainsizza.
Documento inserito il: 07/02/2015

Articoli correlati a La Prima Guerra Mondiale


Note legali: il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
La responsabilità di quanto pubblicato è esclusivamente dei singoli Autori.

Sito curato e gestito da Paolo Gerolla
Progettazione e sviluppo: Andrea Gerolla

www.tuttostoria.net ( 2005 - 2016 )
privacy-policy