AVVISO: Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Confermando questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante, acconsenti all'uso dei cookie, altrimenti visualizza l'informativa estesa privacy-policy.aspx
>> Storia Contemporanea > La Prima Guerra Mondiale

13 marzo 1918: le prime battaglie del 1918 [ di Maury Fert ]

Mentre a Roma i politici discutevano sui 14 Punti di Wilson i soldati organizzarono le difese sul nuovo fronte. Rispetto a prima, la prima linea si era accorciata di 170 km e per il Gen. Diaz fu senz'altro un vantaggio.
Il settore più occidentale, quello tra la Lombardia e l'Alto Adige, rimase immutato, mentre il confine sull'Altopiano di Asiago arretrò di alcuni chilometri. Da questo punto in poi le modifiche furono notevoli: la 4a Armata si spostò dal Cadore e dalle Dolomiti Bellunesi al Monte Grappa, sulla linea compresa tra la riva sinistra del fiume Brenta ed il Monte Pallon.
Alla sua destra fino al Montello vennero dislocati i corpi francesi e britannici.
Infine, lungo tutto il corso dal Basso Piave venne schierata dal 3a Armata del Duca d'Aosta Emanuele Filiberto.
Le novità non si limitarono alle nuove posizioni. Diaz introdusse un nuovo modo di vivere e vedere la guerra rispetto a Cadorna e la gestione degli uomini migliorò notevolmente. Inoltre, consapevole che il suo esercito non sarebbe stato in grado di sostenere una battaglia offensiva, decise di sperimentare la tenuta di questa nuova linea con delle piccole azioni di valore strategico.
Il 14 gennaio 1918 alcuni reparti della 3a Armata riuscirono ad allargare la testa di ponte presso Capo Sile, mentre alla fine del mese (28-31 gennaio) si svolse la Battaglia dei Tre Monti sull'Altopiano di Asiago.
Dopo massicci bombardamenti da entrambi le parti, gli Italiani riconquistarono la linea Cima Eckar - Monte Valbella - Col de Rosso persi il mese prima durante la Battaglia delle Melette.
In primavera grazie al clima decisamente più favorevole, gli scontri si fecero più frequenti. Gli austroungarici presero l'iniziativa e il 13 marzo 1918 fecero esplodere una gigantesca mina di 50.000kg sotto la cima del Dente Italiano sul Massiccio del Pasubio.
Due mesi dopo (13 maggio) l'esercito italiano riuscì a riconquistare il Monte Corno di Vallarsa, il luogo dove vennero catturati Cesare Battisti e Fabio Filzi.
Alla fine di maggio venne organizzata un'offensiva sul Massiccio dell'Adamello per rafforzare alcune posizioni attorno ai Passi del Tonale e Paradiso: il 25 maggio gli Arditi riuscirono a conquistare tutta la lunga Cresta dei Monticelli ad esclusione della cima più orientale quella di Quota 2432.

Nell'immagine bombarda italiana preda bellica delle truppe austrogermaniche.
Documento inserito il: 07/02/2015

Articoli correlati a La Prima Guerra Mondiale


Note legali: il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
La responsabilità di quanto pubblicato è esclusivamente dei singoli Autori.

Sito curato e gestito da Paolo Gerolla
Progettazione e sviluppo: Andrea Gerolla

www.tuttostoria.net ( 2005 - 2016 )
privacy-policy