AVVISO: Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Confermando questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante, acconsenti all'uso dei cookie, altrimenti visualizza l'informativa estesa privacy-policy.aspx
>> Approfondimenti > Eventi

Mostra documentaria: 'Da matricola a perfetto soldatino'

E' stata inaugurata domenica 10 maggio al Collegio Ghislieri, nell’ambito delle celebrazioni di San Pio V, la mostra documentaria “Da matricola a perfetto soldatino”, dedicata alle testimonianze degli alunni del Collegio impegnati al fronte durante la Prima Guerra Mondiale.
L’esposizione, allestita nella Biblioteca del Collegio Ghislieri a cura di Giulia Delogu, alunna del Collegio e attualmente dottore di ricerca in Italianistica presso l’Università di Trieste, è stata inaugurata in anteprima per gli alunni e gli invitati alla Giornata, sarà aperta al pubblico da lunedì 11 e fino al 29 maggio.
Negli anni del primo conflitto mondiale gli alunni al fronte intrattennero una fittissima corrispondenza con il Rettore Ciapessoni, «Amato maestro» che non fece mai mancare loro il suo sostegno.
Le lettere e le cartoline giunte in Collegio, definito affettuosamente «il Baraccone» e divenuto ospedale militare dal 1915 al 1920, sono ancora oggi conservate presso l'Archivio del Collegio Ghislieri e, insieme ai documenti ufficiali e alle fotografie, formano un vero e proprio corpus di grande valore storico e memoriale.
È stata una ricerca appassionante, nata quasi per caso, lavorando su altri argomenti – spiega Giulia Delogu – Sono emerse decine di cartoline dal fronte, che raccontavano la nostalgia per il Collegio, le speranze per il futuro, le durezze della guerra, il dolore per gli amici caduti. Una lettura emozionante e tratti anche straziante, che mi ha spinto a voler far conoscere al pubblico le tante storie dimenticate degli alunni del Ghislieri”.
Un inedito racconto dell’esperienza bellica che si è avvalso del contributo dell'Archivio storico dell'Università di Pavia, soprattutto per tracciare delle biografie dei caduti, e che include preziosi reperti prestati dalla famiglia Frassi e materiali inediti forniti da Alessandra Berlese, nipote di Aldo Berlese, giovane alunno del Collegio caduto sul Carso a soli vent'anni, assurto a simbolo del traumatico passaggio «Da matricola a perfetto soldatino».

Orari: da lunedì a venerdì (chiuso mercoledì), ore 11.00‐17.00 e su richiesta.Documento inserito il: 11/05/2015

Articoli correlati a Eventi


Note legali: il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.
La responsabilità di quanto pubblicato è esclusivamente dei singoli Autori.

Sito curato e gestito da Paolo Gerolla
Progettazione e sviluppo: Andrea Gerolla

www.tuttostoria.net ( 2005 - 2016 )
privacy-policy